amareilmare

img_20171129_083908-effects-1-1849567637.jpg Lingua-Salina

1967

Ecco, mettetevi tutti davanti la panchina. Tu fai la spaccata, che sembri una ballerina; tu fai il ponte, che sembra un’atleta. E tu, che sei più piccolo, mettiti vicino la mamma e fai finta che fai la pubblicità alle caramelle, come nel carosello. Comare, mettetevi a sinistra. Stringetevi, altrimenti non vi prendo tutti. 

-Natalino, spicciati cu sta Polaroid. Il sole ci sta accecando!-

Fatto.

Mio padre ci fece una foto, una volta, proprio davanti questo sedile. Era estate e Lipari alle nostre spalle si mostrava in tutta la sua magnificenza. La foto era in bianco e nero: bella, non fosse altro perché eravamo dei bambini ignari che certi affetti se ne vanno e che i luoghi restano a testimonianza di momenti unici e irripetibili. Ho fotografato il sedile, a colori, carico dei fantasmi del mio passato. E non solo.

Ci troviamo a Salina. Le mattonelle che abbelliscono il…

View original post 440 altre parole